La ricetta medica - Farmacia Vita Nuova - Mondofarmacista

Pagina FB Vita Nuova
Vita Nuova
IL SITO INFORMATIVO DELLA
Seconda Pagina Fb
Vai ai contenuti

Menu principale:

La ricetta medica

Informazioni
Informazioni a cura del dott. Michelangelo Mundula

Che cos' è la ricetta medica ?
Le informazioni di seguito riportate sono uno strumento che Vi permetterà di leggere correttamente una ricetta (cosa che putroppo i pazienti fanno raramente), aiutandovi ad andividuare quegli errori che, se corretti subito, vi eviteranno di tornare due volte dal medico.

Cominciamo col dire che qualsiasi foglio che contenga la prescrizione di un medicinale, completo di INTESTAZIONE del medico, DATA,TIMBRO e FIRMA è una Ricetta Medica.Esistono quindi: le Ricette Bianche, scritte su carta intestata del medico; le Ricette S.S.N ( le ricette della mutua ),cioè le classiche ricette "rosa" ed ultimamente le Ricette Elettroniche che in realtà sono ricette "dematerializzate", cioè virtuali (in teoria basterebbe recarsi in farmacia col solo tesserino sanitario ma per evitare varie problematiche il medico stampa un foglio con i codici chiamato Promemoria ). Con le ricette bianche le medicine si pagano sempre per intero. Con le ricette SSN ed Elettroniche il costo della medicina viene pagato in parte o tutto dal Servizio Sanitario Nazionale (SSN), cioè dallo Stato (sempre che il medicinale sia mutuabile).

DA RICORDARE: La Ricetta è un documento. Può essere compilata solo dal medico. Qualsiasi aggiunta o variazione di dati fatta dal paziente la può invalidare. Non completate mai di vostra iniziativa una ricetta. Chiedete sempre l'aiuto del farmacista.

LA RICETTA BIANCA

Normalmente la ricetta bianca è RIPETIBILE, cioè ha la validità di sei mesi ed il medicinale può essere ritirato fino a dieci volte. E' ovvio che la ricetta scade quando viene raggiunto uno dei due limiti o tutti e due. Il medico può diminuire a sua discrezione il periodo di validità ed il numero di pezzi. Per le ricette contenenti sostanze che danno dipendenza come per es. i cosidetti "tranquillanti" (Lorazepam, delorazepam. diazepam ecc.) la ricetta vale un mese per un massimo di tre confezioni. Esistono dei medicinali ( ormoni, anticoagulanti, stupefacenti ecc. ) che sono soggetti a ricetta medica NON RIPETIBILE. Tale ricetta dura sempre un mese e se ne può ritirare strettamente la quantità prescritta dal medico. Un particolare tipo di ricetta è la ricetta Speciale Ministeriale, su modulo apposito, indispensabile per acquistare antidolorifici ad azione stupefacente come la morfina, per la terapia del dolore. Dal febbraio 2001 l' acquisto dei medicinali per la terapia del dolore è facilitato e medici e farmacisti sono stati sgravati delle penalizzazioni e della eccessiva burocrazia.









Ricetta Bianca
LA RICETTA SSN (ricetta rosa della mutua)

E' il vecchio modello di ricetta della mutua. A partire dal 2014 (salvo errore), prima in via sperimentale e ora definitiva per tutte le Regioni, è entrata in vigore la "Ricetta Dematerializzata" o "Ricetta Elettronica" che la dovrebbe, molto lentamente, sostituire.
La ricetta rosa sarebbe soggetta alle stesse norme della ricetta bianca, se il farmacista non la dovesse trattenere per farsi rimborsare i medicinali dal SSN. Quindi abbiamo due situazioni:
1) Se il medicinale è mutuabile (Fascia "A") la ricetta dura trenta giorni e deve essere trattenuta dal farmacista; trascorsi i trenta giorni il medicinale può essere acquistato, solo a pagamento, con le stesse modalità di una ricetta bianca. (Sempre che non sia medicinale soggetto a ricetta NON RIPETIBILE).
2) Se il medicinale non è mutuabile (Fascia "C") valgono le regole già citate per le ricette bianche, cioè dieci confezioni entro sei mesi o tre entro un mese ecc... . In realtà il medico non potrebbe prescrivere medicinali in fascia C,  non mutuabili, su ricetta rosa per questione di costi (la ricetta rosa è prodotta in carta filigranata); Oltretutto, Se sulla ricetta vi sono insieme anche prodotti mutuabili,  viene penalizzano il paziente che non può usufruire della ripetibilità della ricetta.
La ricetta SSN ("della mutua"- vedi la figura 3 in basso) deve essere sempre scritta correttamente con inchiostro nero e non sbiadito. Deve riportare obbligatoriamente: Data, timbro e firma del medico, Nome e cognome del paziente (salvo essere coperto dal talloncino della privacy), Codice fiscale. Se prendete un medicinale per il quale sapete che ci vuole"la nota"AIFA controllate che ci sia, così come nelle regioni che si paga il Tiket si deve controllare la presenza di eventualiesenzioni per patologia o reddito. Il medico può correggere e controfirmare solo la prescrizione. Non vi possono essere correzioni di: Data, note AIFA, Codice Fiscale, esenzioni. La ricetta va rifatta. A dispetto della norma alcune Aziende USL tollerano questi errori, ma d'ora in poi sarà la guardia di finanza che multerà i medici che faranno errori e, aimè, noi farmacisti che li faremo passare.


Ricetta  rossa SSN
LA RICETTA DEMATERIALIZZATA (ricetta elettronica)

La Ricetta Elettronica, o meglio Dematerializzata, dal 2016 definitivamente in vigore in tutta Italia, dovrebbe sostituire quasi interamente la ricetta rosa SSN. Scriviamo quasi perchè vi sono casi (es.: visita domiciliare, Guardie mediche) nei quali è difficile che il medico abbia a disposizione i mezzi per trasmetterla in tempo reale. In altri casi (precrizione di medicinali stupefacenti, medicinali in distribuzione per conto, diabetici e presidi sanitari) andrebbero stabilite le modalità, ma per ora si continua con la vecchia ricetta della mutua.
In realtà il foglio che il paziente porta in farmacia non è la ricetta (che sarebbe...immateriale) ma è il Promemoria. Viene stampato dal medico perchè il paziente sia libero di scegliere la farmacia preferita e perchè il farmacista vi attacchi i bollini (fustelle) dei medicinali.
Il Promemoria non è uguale per tutte le regioni. Descriverò quello più comune (Es.: Lazio,Piemonte,Sardegna ecc.) Sul promemoria sono stampati tre codici a barre importanti (in alto a destra): Il codice della regione, il numero consecutivo della prescrizione e il codice fiscale del paziente. Il farmacista scansiona i tre codici col lettore laser ed il sistema informatico della farmacia si mette immediatamente in contatto con il sistema della Società SOGEI, braccio informatico dei Ministeri delle Finanze e della Salute. Il farmacista visualizza in tempo reale la prescrizione e spedisce la ricetta erogando (cioè dando al paziente) i medicinali prescritti dopo aver staccato il bollino ottico e numerato il Promemoria. (Se ricordo quando da piccolo aiutavo mio padre a ritagliare i bollini e ad attaccarli con la spillatrice...).
Sulla destra in alto si trovano: la regione di emissione, i dati e l'indirizzo del paziente. Sulla riga appena sotto: L'eventuale codice di esenzione, la sigla ASL di residenza del paziente ed altri codici di prescrizione.
Il grande rettangolo al centro della ricetta riporta la prescrizione dei medicinali e può contenere i bollini attaccati dal farmacista.
Sotto ancora si trovano fra gli altri i dati del medico e la data di emissione.
Attenzione: La ricetta Elettronica dura 30 giorni (escluso quello di emissione, quindi 30+1) come quella rosa. Una volta scaduta non è più possibile avere il farmaco (il sistema non l'accetta più). Ritirate i medicinali prima di 30 giorni.

Un consiglio: PORTATE SEMPRE CON VOI LA TESSERA SANITARIA.
E' obbligatorio portarla con se ed esibirla in farmacia (e negli uffici pubblici dove richiesta) in tutte le regioni italiane.
La tessera sanitaria sostituisce il Codice fiscale ed il defunto tesserino del medico.
Portando con voi la tessera sanitaria faciliterete il farmacista e potrete facilmente richiedere l'apposizione del codice fiscale sullo scontrino, valido per le detrazioni dai redditi.
Mappa
FARMACIA VITA NUOVA SAS
V. Palombarese, 137-141
00013 Fonte Nuova RM
06 9050088
Mail Vita Nuova
Torna ai contenuti | Torna al menu